Cosa sono i radicali liberi e perché tutti ne parlano?

I radicali liberi sono legati all’invecchiamento e a una serie di malattie, ma si sa poco sul loro ruolo nella salute umana o su come impedire loro di far ammalare le persone. Per questo motivo abbiamo pensato di mettere assieme un articolo che svela tutti i dubbi. Se l’argomento ti interessa, assicurati di leggerlo fino alla fine: le risposte vengono dai nostri fedeli esperti.

Cosa sono i radicali liberi?

Partiamo dal principio: per comprendere i radicali liberi dobbiamo partire dalla chimica. Gli atomi sono circondati da elettroni che orbitano attorno all’atomo in strati chiamati gusci. Ogni guscio deve essere riempito da un determinato numero di elettroni. Quando un guscio è pieno; gli elettroni iniziano a riempire il guscio successivo. Se un atomo ha un guscio esterno non pieno, può legarsi con un altro atomo, usando gli elettroni per completare il suo guscio esterno. Questi tipi di atomi sono noti come radicali liberi. Gli atomi con un guscio esterno pieno sono stabili, ma i radicali liberi sono instabili e, nel tentativo di recuperare il numero di elettroni nel loro guscio esterno, reagiscono rapidamente con altre sostanze. Quando le molecole di ossigeno si dividono in singoli atomi che hanno elettroni spaiati, diventano radicali liberi instabili che cercano altri atomi o molecole a cui legarsi. Se questo continua ad accadere, inizia un processo chiamato stress ossidativo. Lo stress ossidativo può danneggiare le cellule del corpo, portando a una serie di malattie e provoca sintomi di invecchiamento, come le rughe.

In che modo i radicali liberi danneggiano il corpo?

Secondo la teoria dell’invecchiamento dei radicali liberi, delineata per la prima volta nel 1956, i radicali liberi distruggono le cellule nel tempo. Man mano che il corpo invecchia, perde la sua capacità di combattere gli effetti dei radicali liberi. Il risultato è più stress ossidativo e più danni alle cellule, che portano a processi degenerativi, oltre che al “normale” invecchiamento.

Come si collegano stress ossidativo e radicali liberi?

Vari studi e teorie hanno collegato lo stress ossidativo dovuto ai radicali liberi ai seguenti fenomeni:

  • malattie del sistema nervoso centrale, come l’Alzheimer e altre demenze
  • malattie cardiovascolari a causa di arterie ostruite
  • disturbi autoimmuni e infiammatori, come l’artrite reumatoide e il cancro
  • cataratta e declino della vista correlato all’età
  • cambiamenti nell’aspetto legati all’età, come perdita di elasticità della pelle, rughe, capelli grigi, perdita di capelli e cambiamenti nella struttura dei capelli
  • diabete
  • malattie genetiche degenerative, come la malattia di Huntington o il morbo di Parkinson

La teoria dei radicali liberi sull’invecchiamento è relativamente nuova, ma numerosi studi la supportano. Gli studi sui ratti, ad esempio, hanno mostrato un aumento significativo dei radicali liberi con l’invecchiamento dei ratti. Questi cambiamenti corrispondevano al declino della salute correlato all’età. La ricerca sui ratti suggerisce che i radicali liberi prodotti nei mitocondri danneggiano le sostanze di cui la cellula ha bisogno per funzionare correttamente. Questo danno provoca mutazioni che producono più radicali liberi, accelerando così il processo di danno alla cellula. Questa teoria aiuta a spiegare l’invecchiamento, poiché accelera nel tempo. Il graduale ma sempre più rapido accumulo di radicali liberi offre una spiegazione del perché anche i corpi sani invecchiano e si deteriorano nel tempo.

Cause

Le teorie dei radicali liberi sull’invecchiamento e sulle malattie possono aiutare a spiegare perché alcune persone invecchiano più lentamente di altre. Sebbene i radicali liberi siano prodotti naturalmente nel corpo, i fattori dello stile di vita possono accelerarne la produzione. Questi includono:

  • esposizione a sostanze chimiche tossiche, come pesticidi e inquinamento atmosferico
  • fumare
  • alcool
  • cibi fritti

Questi fattori dello stile di vita sono stati collegati a malattie come il cancro e le malattie cardiovascolari. Quindi, lo stress ossidativo potrebbe essere una ragione per cui l’esposizione a queste sostanze provoca malattie.

Antiossidanti e radicali liberi

È difficile guardare la televisione senza vedere almeno uno spot pubblicitario che promette di combattere l’invecchiamento con gli antiossidanti. Gli antiossidanti sono molecole che impediscono l’ossidazione di altre molecole. Gli antiossidanti sono sostanze chimiche che riducono o prevengono gli effetti dei radicali liberi. Donano un elettrone ai radicali liberi, riducendo così la loro reattività. Ciò che rende unici gli antiossidanti è che possono donare un elettrone senza diventare essi stessi radicali liberi reattivi. Tuttavia, nessun singolo antiossidante può combattere gli effetti di ogni radicale libero. Proprio come i radicali liberi hanno effetti diversi in diverse aree del corpo, ogni antiossidante si comporta in modo diverso a causa delle sue proprietà chimiche. In certi contesti, tuttavia, alcuni antiossidanti possono diventare pro-ossidanti: significa che catturano elettroni da altre molecole, creando instabilità chimica che può causare stress ossidativo.

Alimenti e integratori antiossidanti: funzionano?

Migliaia di sostanze chimiche possono agire come antiossidanti. Le vitamine C ed E, il glutatione, il beta-carotene e gli estrogeni vegetali chiamati fitoestrogeni sono tra i molti antiossidanti che possono annullare gli effetti dei radicali liberi. Molti alimenti sono ricchi di antiossidanti. Bacche, agrumi e molti altri frutti sono ricchi di vitamina C, mentre le carote sono note per il loro alto contenuto di beta-carotene. La soia che si trova nei semi di soia e in alcuni sostituti della carne è ricca di fitoestrogeni. La pronta disponibilità di antiossidanti negli alimenti ha ispirato alcuni esperti di salute a consigliare diete ricche di antiossidanti. La teoria antiossidante dell’invecchiamento ha anche portato molte aziende a spingere le vendite di integratori antiossidanti.

Lo scetticismo scientifico

Nonostante la popolarità, la ricerca sugli antiossidanti è mista. La maggior parte delle ricerche mostra pochi o nessun beneficio. Uno studio del 2010 che ha esaminato l’integrazione di antiossidanti per la prevenzione del cancro alla prostata non ha trovato benefici. Un altro studio del 2012 ha scoperto che gli antiossidanti non hanno ridotto il rischio di cancro ai polmoni. Infatti, per le persone già ad alto rischio di cancro, come i fumatori, gli antiossidanti hanno al contrario leggermente aumentato il rischio di cancro. Alcune ricerche hanno persino scoperto che l’integrazione con antiossidanti è dannosa, in particolare se le persone assumono più della della dose giornaliera raccomandata. Infine, alcuni studi hanno riscontrato benefici associati all’uso di antiossidanti, ma i risultati sono stati modesti. Uno studio del 2007, ad esempio, ha scoperto che l’uso a lungo termine del beta-carotene potrebbe ridurre modestamente il rischio di problemi di pensiero legati all’età.

Conclusioni

Quando si parla di invecchiamento, i radicali liberi svolgono un ruolo principale. Definiti responsabili con lo stress ossidativo, è importante mantenere un equilibrio per evitare degli effetti nocivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha in caricamento...