Perdita capelli da depressione: cos’è e come combatterla

Capelli a ciuffi dento il piatto della doccia? Oppure sul cuscino, e la spazzola? Quando non è il nostro cagnolino a perdere il pelo ma siamo noi, purtroppo allarmarsi è normale: cosa sta succedendo? La caduta di capelli è un episodio molto complesso, che potrebbe essere permanente o temporaneo, e colpisce uomini e donne praticamente di ogni età (soprattutto dopo i 30 anni). In alcuni casi, la causa scatenante potrebbe essere non di tipo fisico ma emotivo: si sta male, non si vuole più andare a lavoro, non si può smettere di piangere. Chi soffre di depressione spesso cerca di nasconderlo, ma i nostri capelli possono risentirne in modo indiretto a causa di una reazione nell’ambito delle dinamiche dei cicli vitali del capello. Come si verifica il fenomeno? Durerà per sempre? Come faccio ad uscirne? Se queste sono le domande alle quali cerchi risposta, assicurati di leggere questo articolo fino alla fine. I nostri esperti hanno risposto ad ogni domanda!

Cos’è davvero la depressione?

Spesso si dice, “sono depresso” o “sono depressa”, magari per parlare di un momento triste o difficile della vita. In realtà, la depressione è una situazione molto più complessa che riguarda la salute mentale di una persona. Si tratta di uno stato continuo e persistente di tristezza, mancanza di voglia di fare praticamente qualsiasi attività – il sentirsi “senza speranza”. Tuttavia, a differenza degli abituali periodi di alti e bassi della vita di ognuno di noi (abbastanza normali), la persona depressa non sa bene il perché ci si senta in questo modo – è come se non esistesse una ragione apparente.  

Come faccio a sapere se ce l’ho?

I sintomi della depressione includono:

  • cambiamenti nell’appetito 
  • disturbi del sonno
  • affaticamento
  • sentirsi inutili o con senso di colpa
  • difficoltà di concentrazione 
  • pensieri di morte o suicidio

Infine, può avere anche delle cause biologiche psicologiche e ambientali, e l’unico modo per sapere se si soffre di depressione o meno è rivolgendosi ad un medico.

I capelli e il nostro benessere: perché e come sono collegati

Impatto psicologico della caduta dei capelli

La caduta dei capelli può avere un impatto significativo sulla nostra autostima. Più le nostre ciocche sono rigogliose, più ci sentiamo giovani, belli, e pieni di vita. Perdere capelli significa sentirsi inadeguati, meno attraenti. Inoltre, la percezione degli standard di bellezza da parte della società contribuisce ad una specie di “stigma sociale” associato alla caduta dei capelli – influenzando il benessere mentale di chi accusa una caduta di capelli.

Cosa succede al nostro organismo quando siamo depressi?

Gli squilibri ormonali, associati sia alla depressione che ad alcuni tipi di caduta dei capelli, possono creare una relazione ciclica. Ad esempio, i cambiamenti ormonali indotti dallo stress possono contribuire sia alla depressione che alla caduta dei capelli. In generale, lo stress cronico associato alla depressione, può interrompere il normale ciclo di crescita dei capelli.

Telogen Effluvium

La caduta dei capelli correlata allo stress si manifesta spesso come telogen effluvium, una malattia in base alla quale un numero significativo di follicoli piliferi entra prematuramente nella fase di riposo, portando ad una maggiore caduta.

Infiammazione e risposta immunitaria

La depressione è associata ad un aumento dell’infiammazione nel corpo di tipo cronico, che può colpire i follicoli piliferi. In alcuni casi, si verifica anche una disfunzione del sistema immunitario – probabilmente influenzata dalla risposta allo stress associata alla depressione. Ciò potrebbe contribuire allo sviluppo della caduta dei capelli di origine autoimmune.

Impatto sui neurotrasmettitori 

La depressione comporta squilibri nei neurotrasmettitori come la serotonina e la norepinefrina. Lo stress e il disagio emotivo legati alla caduta dei capelli possono influenzare questi neurotrasmettitori, contribuendo allo sviluppo o alla persistenza dei sintomi depressivi.

Mi cadono i capelli: diventerò calvo/a?

Sebbene la depressione possa essere un fattore determinante nel contribuire alla caduta dei capelli, spesso assume la forma di una malattia chiamata telogen effluvium. Questo tipo di perdita di capelli è solitamente temporanea e si verifica a causa di interruzioni nel ciclo di crescita dei capelli innescate da stress intenso o sconvolgimenti emotivi. In alcuni casi, la depressione e il disagio psicologico possono portare a comportamenti anomali, come strapparsi i capelli – una malattia chiamata tricotillomania. Questo atto compulsivo può provocare una notevole perdita di capelli e contribuire allo sviluppo dell’alopecia.

La caduta di capelli da depressione: come rimediare?

Comprendiamo quanto è delicata una situazione del genere, e naturalmente potremmo dispensare tantissimi consigli. Tuttavia, in questo contesto ci limitiamo ad esporre le 3 azioni chiave da intraprendere per ricominciare a stare bene.

Consultare un medico

Questo dovrebbe essere il primo pensiero: è importante capire che a volta la caduta di capelli è dovuta ad alcune malattie imprevedibili e bisogna assicurarsi che anche questo non sia il tuo caso. Rivolgiti ad un tricologo o ad un dermatologo. 

Affrontare la causa principale: la depressione

Rivolgiti ad uno psicoterapeuta o uno psicologo per affrontare la depressione sottostante. La terapia può aiutare a sviluppare meccanismi e strategie di coping per gestire lo stress e migliorare il tuo stato d’animo.

Conclusioni 

Quando si parla di depressione e alopecia, spesso si ignora un fatto principale: che entrambe possono diventare causa e fenomeno dell’altra. In poche parole, il costo emotivo della depressione, caratterizzato da un sentimento di disperazione – può creare un ciclo per cui il disagio emotivo aggrava ulteriormente la caduta dei capelli. Anche se per una persona che soffre di depressione ciò sembrerà impossibile, chi vuole migliorare la propria caduta di capelli può aiutare di molto il proprio organismo assicurandosi di seguire una dieta di vitamine e minerali essenziali (ferro, zinco e vitamina D).

Quando si sospetta di essere depressi, la prima cosa che si dovrebbe fare è rivolgersi ad un professionista di salute. Prima ancora di pensare alla caduta dei capelli: non solo i due fenomeni sono strettamente collegati (come abbiamo visto), ma sarebbe praticamente impossibile pensare di migliorare il proprio aspetto concentrandosi esclusivamente sui capelli. La nostra immagine, in fondo, è un riflesso di come ci sentiamo dentro: chi non ha la forza di alzarsi dal letto, o pensa di non avere speranza e si butta giù, prima di tutto deve ritrovare fiducia nella vita e in se stesso/a. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha in caricamento...